2012-11-13
Percorsi di secondo welfare - Newsletter 20 / 2012

Il “secondo welfare” coinvolge attori economici e sociali quali imprese, sindacati, fondazioni, assicurazioni, il terzo settore e gli enti locali, creando un sistema che si aggiunge e integra il “primo welfare”, di natura pubblica e obbligatoria. Il Laboratorio sul secondo welfare è stato pensato, sostenuto e realizzato in collaborazione con il Corriere della Sera e con l'aiuto di Compagnia di San Paolo, Fondazione Cariplo, Fondazione con il Sud, ANIA e delle aziende KME e Luxottica. L'attività del laboratorio (ricerca, documentazione, disseminazione) è volta a individuare tendenze emergenti e "buone pratiche" e a promuovere così una riflessione strategica su un nuovo "mix" di politiche capace di rispondere efficacemente ai bisogni sociali nel rispetto dei vincoli di bilancio. 


PRIVATI
Combattere lo stress in azienda con il brevetto S.M.E.C.A: intervista a Vera Consulting

V.E.R.A. Consulting, società di consulenza e formazione con sede a Milano, ha recentemente messo a punto il metodo S.M.E.C.A. - Stress Mode and Effects Criticality Analysis. Il brevetto S.M.E.C.A. non si limita ad assolvere alle prescrizioni contenute nella cosiddetta “legge anti-stress” ma mira piuttosto a fornire al management aziendale gli strumenti per ottenere risultati positivi, sia per i dipendenti che in termini di produttività. Abbiamo intervistato Matteo Gritti, socio di Vera Consulting ed esperto di formazione e di programmazione neuro linguistica, e Franco Busacca, socio fondatore e co-creatore di S.M.E.C.A, per approfondire il metodo utilizzato per individuare, valutare e correggere lo stress sul luogo di lavoro.


TERZO SETTORE
Vittadini: educazione, libertà e valutazione. Ecco le parole chiave del welfare sussidiario

Nelle scorse settimane ci siamo occupati del volume "La sfida del cambiamento, superare la crisi senza sacrificare nessuno" con cui la Fondazioni per la Sussidiarietà ha definito le caratteristiche, le applicazioni e le prospettive del welfare sussidiario. Mossi dal desiderio di comprendere meglio alcuni aspetti di tale modello abbiamo chiesto a Giorgio Vittadini, presidente della Fondazione per la sussidiarietà, di approfondire con noi alcune questioni relative al modello di welfare proposto. Nel corso del dialogo sono state toccate diverse tematiche legate al volume ma anche argomenti di stretta attualità, come le posizioni recentemente assunte dal governo Monti in materia sociale e le prospettive della Big Society di David Cameron


GOVERNI LOCALI
I servizi per la prima infanzia del Comune di Parma: l’esperienza di ParmaInfanzia

La crisi economico-finanziaria che ha investito il nostro paese rischia di compromettere la capacità degli enti locali di continuare ad erogare servizi per la prima infanzia di qualità e a costi sostenibili per le famiglie. Nel contesto nazionale, la realtà di Parma appare, da questo punto di vista, particolarmente interessante: nel 2003, da una collaborazione tra il Comune di Parma e Pro.Ges. s.c.r.l., è nata ParmaInfanzia SpA, una società per azioni a capitale misto pubblico/privato che gestisce e sviluppa servizi rivolti all’infanzia. Abbiamo intervistato la dott.ssa Isabella Menichini, che ha svolto per diversi anni il ruolo di direttore dell’Area Servizi alla persona e alla famiglia del Comune di Parma.


PRIMO WELFARE

NEWS


Link sito ufficiale Fondazione Cariplo Link sito ufficiale Compagnia di San Paolo Link sito ufficiale Fondazione per il Sud Link sito ufficiale ANIA Link sito ufficiale KME Link sito ufficiale Luxottica Link sito ufficiale Università degli Studi di Milano Link sito ufficiale Dipartimento di Studi Link sito ufficiale Corriere della sera
Copyright © 2011 Percorsi di secondo welfare - P.I. 01081820019 - All Rights Reserved | Powered by Studio Casaliggi

Questo documento e gli eventuali allegati sono indirizzati unicamente al destinatario, a cui la lettura e l'utilizzo delle informazioni contenute sono esclusivamente riservati. Nell'ipotesi che la e-mail non fosse indirizzata a Voi o il contenuto lasci intendere che possano esservi stati errori o manipolazioni nella trasmissione, vogliate cortesemente contattarmi al seguente indirizzo di posta elettronica: info@secondowelfare.it

This e-mail is directed uniquely to the interested party, which is the exclusive addressee of any information contained herein. In case the e-mail should be addressed to other than you, or the content should reveal any transmission errors or manipulations, please contact us at the following address: info@secondowelfare.it


Link alla pagina Progetto Link alla pagina Chi Siamo Link alla pagina Partners Link alla pagina Contatti Link al Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi